Tramoni:

Matteo Tramoni ha vissuto questa prima parte di stagione a Darfo Boario Terme da protagonista, al centro del gioco di Mister Inzaghi sia da mezz'ala che nel tridente d'attacco. Ecco le parole del centrocampista offensivo corso al sito ufficiale del Club.

TRAMONI - "Senza dubbio si tratta della prima esperienza importante lontano da casa e dalla mia famiglia. A Cagliari ero con mio fratello e poi si può dire che tra Sardegna e Corsica non ci sia tutta questa differenza a livello di mentalità, ero vicino a casa anche dal punto di vista geografico. Qua a Brescia sono solo e devo dire di essere molto felice perché il Club mi aveva cercato anche in passato ed ha una storia importante. Sono un giocatore tecnico, veloce e credo che nel calcio, per come lo vedo io, ci voglia personalità soprattutto nel mio ruolo. Inzaghi mi ha provato spesso e devo dire che mi parla molto anche se io sono, di mio, un tipo abbastanza taciturno. La mia squadra del cuore è sempre stata l'Ajaccio, club della mia città, e con loro abbiamo lottato per andare in Ligue 1. Il Brescia ha lo stesso obiettivo e dunque questo mi motiva a fare bene. Al Cagliari ho imparato molta tattica però ho avuto poco spazio, spero di trovarlo qui".