Cittadella-Brescia: la conferenza di Clotet nel post gara

Pep Clotet ha parlato al termine della sfida contro il Cittadella. Ecco le parole del tecnico catalano nel post gara.

CLOTET"Ho sempre avuto molta fiducia in Labojko, ma ovviamente è più play che mezz’ala. Nella stessa posizione ci mancava Ndoj e certamente è stato un handicap, però avere delle defezioni a causa di infortuni sono cose che succedono nel calcio. Ahimè il risultato non è stato buono e non ci ha permesso di continuare a sognare, però non ho rimorsi di alcun tipo. Abbiamo vinto diverse finali ultimamente e i giocatori hanno dato tutto. Siamo tristi ma devo riconoscere che la squadra ha dato tutto. La condizione fisica? Sono contento però abbiamo giocato tante partite ravvicinate e non era semplice. Il Cittadella ha fatto un solo tiro in porta, la palla non è voluta entrare e, ripeto, sono orgoglioso dei miei giocatori. Purtroppo ci sono mancate delle soluzioni in mezzo al campo e siamo praticamente rimasti senza sostituzioni. Ad un certo punto abbiamo giocato con una linea a quattro e qualcuno dei nostri ha dovuto estendere il raggio d'azione. Tutti però hanno fatto una buona partita. Le cose vanno dimostrate in campo. Il Cittadella ha giocato col Brescia tre volte e noi non abbiamo mai vinto. È una squadra esperta che ha esperienza nei playoff e ha saputo gestire la partita. Giocare ogni tre giorni non è stato facile. Io mi sono sempre sentito bene in questi mesi, sempre sostenuto e ringrazio certamente i tifosi per l'affetto. Sono orgoglioso di essere l'allenatore del Brescia e dalla prossima settimana ci sarà modo di parlare di tutto e del futuro. Quando sapremo qualcosa la comunicheremo. Ho sempre pensato che il Club e i giocatori sono più importanti. Le basi per il futuro sono state messe e l'importante è il Brescia, non Pep Clotet".