L.R. Vicenza-Brescia: la conferenza della vigilia di Clotet

Pep Clotet ha parlato alla vigilia della sfida contro L.R. Vicenza valevole per la 36esima giornata del campionato di Serie B. Ecco le parole del tecnico in conferenza stampa.

CLOTET - "Da quando sono arrivato ho subito messo in chiaro che per fare bene c'è bisogno di umiltà. Dobbiamo lavorare molto e continuare nella stessa maniera per ottenere risultati e allo stesso tempo non temere nessuno. Analizzo sempre la situazione fisica della squadra, però il mio pensiero principale è quello di mettere in campo l'undici migliore per poter vincere la partita. Parlo spesso della mentalità perché si applicano molto ed è un piacere enorme lavorare con questi ragazzi che apprendono ogni giorno e migliorano costantemente. La cosa più importante ora è avere versatilità nelle soluzioni e nei giocatori. Sabato abbiamo optato per mettere pressione a Esposito perché era la loro fonte di gioco e per questo ho chiesto a Birkir Bjarnason di dargli fastidio. Ndoj lavora bene, cresce sempre e ha risolto i problemi fisici, un po' come Cistana: hanno avuto lesioni importanti e dunque avevano bisogno di tempo per riprendersi totalmente. Conto molto su di lui. Ci sono aspetti da migliorare sempre ed è per questo che in settimana analizzo con i ragazzi quello che ha funzionato e quello che no. La nostra intenzione è quella di fare una grande partita ben sapendo che un incontro fuori casa è molto difficile e oltretutto il Vicenza all'andata ci ha messo in grande difficoltà. Non è mai stato 'proibito' per me parlare di Playoff solo che fino a due mesi fa si parlava di retrocessione e dunque avevamo bisogno di concentrarci solo sul fatto di uscire da un certo tipo di situazione. Chiaro che ora possiamo permetterci di pensare a qualcos'altro, ma l'ambizione deve essere sempre legata al lavoro e alla concentrazione. Mateju ha lavorato bene la scorsa settimana, idem Mangraviti, ed era un peccato non farli partire dall'inizio. Domani è un'altra gara e vedremo cosa sarà meglio per la squadra".