Tra Academy e Scuola Calcio: interviste a Paolo Migliorati e Marco Fasani

I due Responsabili hanno un ruolo fondamentale nel Club: valorizzare i giovani bresciani affinché un giorno possano esordire in Prima Squadra

Al Brescia Calcio i giovani hanno un ruolo fondamentale.

Nella nostra Storia sono in tanti ad aver calcato i campi del Settore Giovanile per poi esordire in Prima Squadra: Ghezzi e Papetti gli ultimi, solo per fare due nomi. Tutto questo non è frutto del caso, ma della programmazione di una Società attenta ad ogni dettaglio e del volere del Presidente Massimo Cellino per cui i giovani sono determinanti affinché il Club raggiunga obiettivi importanti. 

In questo contesto svolgono un ruolo più che mai importante Paolo Migliorati (Responsabile dell'Academy) e Marco Fasani (Responsabile Scuola Calcio).

PAOLO MIGLIORATI, RESPONSABILE ACADEMY - "Con l'Academy si comincia a creare quel senso di appartenenza che è fondamentale all'interno di un Club. Il bambino deve migliorare le sue qualità caratteriali e motivazionali fin da piccolo per poi trovarsi meglio quando cresce e le aspettative sono più alte. Il piccolo si deve sentire fin da subito parte integrante della Società. Noi selezioniamo i bimbi da presto affinché possano giocare contro pari età di livello e progredire anche contro Team ambiziosi: lavorare con loro è una grande responsabilità, ma anche un grande orgoglio perché dobbiamo stare attenti su tanti aspetti, tutti guardano a noi come punto di riferimento in Provincia e non solo. Il Presidente ci tiene tantissimo al Settore Giovanile in generale e noi dobbiamo essere all'altezza. Rapporto con le famiglie? Personalmente le ringrazio poiché portano i bimbi agli allenamenti e alle partite e ci permettono di lavorare nel migliore dei modi: chiediamo loro grande impegno al pari di quello che mettiamo noi in ogni cosa che facciamo. Sono al Brescia da 3 anni e nel corso della mia esperienza ho sempre cercato di inculcare nella testa dei ragazzi il fatto di non cercare alibi. Cerco di spronarli in ogni modo affinché si mettano in gioco con sicurezza e possano dare il meglio di loro. Noi abbiamo, non solo il dovere di educare i nostri tesserati dal punto di vista tecnico, ma soprattutto caratteriale. Il nostro Staff è di ottimo livello e ci permette di battere su tecnica e carattere di un giovane. Cosa serve per emergere? Oltre alle cose che tutti sappiamo sono convinto che sia fondamentale la tenacia e la voglia di affrontare i problemi guardandoli in faccia: se un calciatore fa questo step compie già un passo determinante nel suo percorso di crescita".

MARCO FASANI, RESPONSABILE SCUOLA CALCIO - "Devo dire che l'impegno della Società per i giovani è totale ed è iniziato con Christian Botturi e Paolo Migliorati. Noi siamo gli ultimi arrivati nel Club, ma devo dire che il rispetto e la considerazione nei nostri confronti è molto alto. Grazie a questo progetto il Brescia Calcio ha messo radici molto solide in città e si rapporta in maniera diretta anche con bimbi, ad esempio, di cinque e sette anni. L'obiettivo della Scuola Calcio è quello di poter permettere a tutti i piccoli bresciani di poter indossare la loro maglia del cuore. Rapporto con le famiglie? Bello, ma non semplice. Noi dobbiamo confrontarci spesso con tante realtà e alle volte non è facile spiegare ai genitori che non si parla di Serie A o B o puro professionismo, soprattutto a certe età. Lo scopo è quello di far divertire i bambini e dare loro delle regole motorie certe. Indubbiamente cerchiamo anche di inculcare nella testa dei nostri tesserati il valore, e l'importanza, di questa maglia".