Intervista ad Andrea Gardoni

La nuova Stagione dell'Under 12

Quali obiettivi e aspettative ha per questo campionato?

L’obiettivo principale è quello di migliorare ulteriormente la nostra proposta a livello metodologico cercando di andare a lavorare su tutti gli aspetti più importanti, soprattutto a livello di comprensione del gioco. Io e il mio staff abbiamo la fortuna di lavorare con ragazzi di qualità, e questo ci permette di approfondire alcuni principi di gioco e sperimentare idee, alzando ancor di più l’asticella rispetto allo scorso anno.

E’ appena iniziata la fase di preparazione, quali sono gli obiettivi principali in questa fase?
In questa fase ci si ritrova tutti dopo l’estate, è un momento per riprendere l’attività, rivedersi con chi c’era già e iniziare a conoscere i nuovi arrivati; a livello metodologico si inizia a lavorare con la struttura settimanale che svilupperemo durante tutto l’anno, per fare in modo che i ragazzi facciano proprie le nostre idee di gioco.

Quali sono le caratteristiche della categoria che allena in questa stagione?
I ragazzi si stanno avvicinando alle categorie dell’attività agonistica, gli spazi di gioco iniziano ad allargarsi e le fasi di crescita variano di ragazzo in ragazzo, ma credo che il modo migliore per prepararli al “salto” di categoria sia quello di farli giocare più possibile, abituandoli a volere sempre la palla, trasmettendo l’idea di un calcio associativo; così credo che avremo giocatori che si divertono giocando e mentre giocano, imparano.

Quest’anno rappresentiamo una società di Serie A, ci sono differenze rispetto alla passata stagione?
Io credo che i ragazzi debbano provare grande orgoglio nell'indossare la maglia del Brescia indipendentemente dalla categoria; per noi allenatori è sicuramente motivo di maggiori responsabilità perchè preparare possibili giocatori da Serie A è sicuramente più complesso.

Qual è il sogno nel cassetto di fine stagione?
Fare in modo che le mie idee a fine stagione siano anche quelle dei ragazzi; riuscire ad affascinarli e a farli innamorare di un certo tipo di calcio vorrebbe dire aver fatto centro.