Il progetto di affiliazione cresce, ecco l’A.C. Castellana

#NoisiamoilBrescia

#NoisiamoilBrescia è un progetto che permette uno scambio di esperienze e di conoscenze per creare un network di società che perseguono un obiettivo comune: tutti i ragazzi che amano il calcio devono poterlo praticare tramite allenatori ed educatori qualificati, sul proprio territorio, con l’obiettivo per i più meritevoli di vestire la maglia delle rondinelle.
Per realizzare questo occorre una strategia comune basata sul dialogo, sulla formazione costante di tecnici e dirigenti e sul favorire il passaggio tra società dei propri calciatori, nel massimo rispetto delle parti.
Questo progetto nasce dalla voglia di far riavvicinare il territorio bresciano e i territori confinanti al Brescia Calcio, per condividere idee sullo sviluppo del settore giovanile tramite corsi di aggiornamento, stage, camp estivi, scuole calcio e una condivisione quotidiana con lo staff tecnico della Brescia Academy.
Oggi conosciamo l’A.C. Castellana, che dalla prossima stagione entrerà a fare parte del progetto #NoisiamoilBrescia e sarà l’unico centro di formazione affiliato al Brescia Calcio fuori dalla provincia di Brescia.
 
Di seguito una breve intervista al presidente Michele Pederzani
 
1) Presidente, ci fornisca qualche informazione per comprendere meglio la realtà che caratterizza l’A.C. Castellana?
Il nostro settore giovanile è composto da circa 230 ragazzi, escludendo la Prima Squadra. L’attività di base per la prossima stagione sarà composta da Scuola Calcio (2013/2014); Primi Calci (2012); Primi Calci (2011); Pulcini (2010); Pulcini (2010/2009); Esordienti (2008); Esordienti (2007); Giovanissimi Provinciali (2006).
L’attività agonistica invece sarà composta da Giovanissimi Regionali (2005); Allievi Provinciali (2004); Allievi Regionali (2003); Juniores Regionali (2002/2001). In alcune annate, avendo molti iscritti avremo più squadre. Attualmente la nostra Prima Squadra milita in Promozione.
2) Quali sono le motivazioni per cui avete mostrato l’intenzione ad entrare a fare parte del progetto di affiliazione del Brescia Calcio #NoisiamoilBrescia?
Le motivazioni per cui abbiamo scelto di far parte di questo progetto di affiliazione sono molteplici, il Settore Giovanile del Brescia Calcio e l’organizzazione attuale rappresentano un modello da cui poter apprendere molto, gli allenatori e in generale tutto lo staff tecnico sono molto bene organizzati e preparati, storicamente è sempre stata una società con un Settore Giovanile all’avanguardia; l’affiliazione con il Brescia Calcio quindi è per noi motivo di grande orgoglio.
3) Quali aspettative nutre verso il progetto di affiliazione e qual è il sogno nel cassetto rispetto a tale rapporto?
Le Aspettative sono molte, vogliamo portare un po' di mentalità e di metodologia del Brescia Calcio nella nostra società. I nostri allenatori vogliono crescere e ci teniamo ad accrescere il livello tecnico delle nostre squadre, riteniamo che il modo migliore per raggiungere questo obiettivo sia tramite l’adesione al progetto di affiliazione #NoisiamoilBrescia.
Il nostro sogno nel cassetto è riuscire a portare qualche ragazzo dalla Castellana nel settore giovanile del Brescia Calcio e magari chissà un giorno anche in prima squadra.
4) Siete l’unico centro di formazione affiliato al Brescia Calcio fuori dalla provincia di Brescia, a livello identitario cosa rappresenta per voi questa affiliazione?
Per la nostra società questa affiliazione è molto importante, pur essendo mantovani, condividiamo i medesimi valori e ci sentiamo molto vicini alla mentalità bresciana. Per noi Brescia è oggi più che mai un modello da seguire.
5) Se dovesse chiudere gli occhi a quali ricordi associa la società Brescia Calcio?
Ho molti ricordi positivi, ci sono stati grandi giocatori in passato come Pirlo, Baggio o Guardiola, devo dire però che la promozione raggiuta quest’anno dalla squadra di Corini è forse quello più significativo.


Di seguito una breve intervista a Moreno Felter, coordinatore per la nostra Academy presso la società A.C. Castellana.


1) Ha potuto maturare una grande esperienza nel mondo del calcio, prima da giocatore e poi da allenatore, ci può riassumere brevemente la sua carriera?
Ho iniziato molti anni fa giocando nelle giovanili del Brescia Calcio poi sono passato al Milan, successivamente Chieti, Crema e Salò, in fine Voluntas e Botticino. Dopo avere concluso la carriera da giocatore e con una grande e ancor oggi viva passione per questo sport ho allenato diverse squadre della nostra provincia, tra queste oltre al Brescia Calcio, il Cortefranca, il Nave, la Voluntas Brescia, il Lumezzane Calcio e lo scorso anno il Ciliverghe.
2) Quali obiettivi ha per questa stagione all’ A.C. Castellana da coordinatore per questo progetto?
Sono diversi gli obiettivi che proveremo a raggiungere, primo tra tutti lo sviluppo tecnico dei nostri ragazzi, lavoreremo partendo dalle basi per arrivare a sviluppare tutte le caratteristiche necessarie a farli crescere sotto ogni punto di vista, cercando sempre di mantenere vivo quella che ritengo essere l’aspetto fondamentale nello sport e cioè il divertimento e la passione. Cercheremo di accrescere il senso di appartenenza verso questa maglia e ciò che rappresenta, così che prendere parte a questo progetto possa essere per tutti un forte motivo di orgoglio.
Essere un centro di formazione Brescia Calcio è un’occasione per crescere sotto ogni punto di vista, la professionalità che proveremo a trasmettere non sarà solo limitata al gesto tecnico ma vorremmo che andasse ben oltre, ai nostri ragazzi cercheremo di trasmettere valori importanti in grado di fare la differenza sia in campo che fuori dal campo.
 I ragazzi saranno seguiti da un nutrizionista che li aiuterà a comprendere l’importanza di una corretta e bilanciata alimentazione e di quanto possa incidere sulle prestazioni atletiche, saranno poi supportati da uno psicologo sportivo, una figura molto importante oltre che, ovviamente da allenatori qualificati.
I nostri allenatori saranno a loro volta supportati da un mental coach così da potere mettere i nostri giovani nella miglior condizione possibile per crescere come atleti e come persone

News correlate