I primi passi dell’Academy

Intervista a Paolo Migliorati, responsabile Brescia Academy

Da questa stagione una delle tante novità proposte dal nuovo corso del settore giovanile è stata la nascita dell’Academy, una vera e propria “cantera biancoazzurra” per costruire i futuri giovani che andranno a formare il settore giovanile agonistico della nostra società.

Abbiamo approfittato della pausa natalizia per parlare con il responsabile Paolo Migliorati che ci ha fatto un bilancio dei primi quattro mesi d’attività.


D: Che ambiente hai trovato in questa nuova avventura?

“Ho trovato un ambiente serio e professionale dove nulla e’ lasciato al caso; il presidente Massimo Cellino e’una persona seria, schietta e con le idee ben chiare sul futuro della societa’. Inoltre il direttore generale Francesco Marroccu, molto presente nel nostro quotidiano, e’ davvero un valore aggiunto per gli sforzi che tutti i giorni, gli allenatori e collaboratori dell’Academy, cercano di dare per il bene del calcio della nostra città.


D: Che indicazioni stanno dando le varie squadre in questo inizio di stagione?

Abbiamo squadre competitive formate da singoli che, per qualità tecniche fisiche e caratteriali possono ambire a stare nelle giovanili del Brescia  per molto tempo e perche’ no ,come noi auspichiamo,un giorno giocare nella prima squadra.

Con il responsabile del settore giovanile Christian Botturi il rapporto e’ di collaborazione continua,scambio di idee e reciproca stima, abbiamo le idee ben chiare per il futuro e stiamo già programmando la nuova stagione.


D: IL 2019 è ormai alle porte: cosa ti aspetti dal movimento intorno all’Academy?

Dai nostri tecnici mi aspetto che diano sempre maggiori concetti dal punto di vista tecnico e coordinativo, aumentando l’autostima dei ragazzi che allenano.

C’e’ l’aspetto educativo che non va trascurato , come il rispetto delle regole, dell’avversario e dell’ambiente che ci circonda. l’Academy e’l’anticamera dell’attivita’ agonistica del settore giovanile del Brescia e noi abbiamo l’obbligo morale di non trascurare nessun bambino che entra nel nostro contesto, facendo capire che il”mondo Brescia Calcio” va conquistato con fatica e tenacia.

I genitori  sono parte integrale del progetto, tanto che mi sono reso disponibile ad incontri individuali per capire le varie problematiche di questo inizio; da loro mi aspetto che interferiscano il meno possibile nel lavoro degli istruttori e della società, che lascino vivere seranamente questa esperienza ai loro figli per una crescita positiva sia sportiva che umana. 

D: Il Nuovo anno porterà ancora novità? 

Abbiamo in cantiere la nascita della scuola calcio, per chiudere tutta la filiera delle giovanili. Sarà aperta a tutti, indipendentemente dalle capacità motorie e tecniche di chi si iscrive, con programmi motori, tecnici e didattici individualizzati, ma è presto per svelare quello che stiamo progettando……..Il progetto di affiliazione #NOISIAMOILBRESCIA continua a crescere: in quattro mesi abbiamo fatto cinque incontri di formazione riempiendo il teatro parrocchiale del Villaggio Violino e numerosi incontri presso le affiliate con i nostri tecnici. Gli incontri fatti con Mister Corini e Mister De Zerbi hanno portato un migliaio di persone!! E di questo voglio ringraziare Franco Savino e Jenni Generale, validi collaboratori e responsabili del progetto affiliazioni.Crediamo molto alla formazione perché c’è sempre da imparare, da tutti, e stiamo preparando una bella sorpresa per gli allenatori che fanno parte delle nostre 16 società affiliate.Stiamo ripartendo con l’area scouting, ed inoltre desideremmo portare squadre all’estero per fare nuove esperienze…..Insomma, Il 2019 sarà ricco di novità! 


D: Hai un sogno nel cassetto in questa esperienza? 

Riuscire insieme a Christian Botturi a far arrivare il maggior numero possibile di bambini che fanno parte dell’Academy a giocare in Serie A, naturalmente con la maglia delle rondinelle……….
Nella fotografia sono presenti i bambini della società Pavonese, affiliata con l'Academy, che sono venuti  allo stadio a sostenere la prima squadra nella partita di mercoledì contro la Cremonese.

News correlate